Questo sito usa cookies. sto lavorando per ripulirlo ed adeguarlo alle direttive dello stato italiano. nel frattempo, se la cosa non vi va, potete o abbandonare la navigazione o disabilitare i cookies nel vostro browser. non capisco come mai lo stato obbliga tutti i webmaster a implementare una pagina per disabilitare i cookies quando tutti i browser piu' diffusi permettono gia' di disabilitarli lato client, ma non ci posso fare nulla.

 
Sei un nuovo utente....
Registrati per i nuovi servizi!

All times' favorites
Le ricette di Pierre
Il quaderno di casa Magnaghi-Zorzoli
Mailing list
Altri siti golosi
Té e dintorni
Vetrina
Biblioteca
Per una visione migliore del sito...
Per i professionisti...
Chi siamo?
I vitigni del Piemonte
The Best of Cucina.Ita & cooknet

Le ricette di Pierre

GELATO DI CREMA (CON DESTROSIO)

Provenienza: Angelo Cattaneo (FidoNet)
Data: 23/11/1991

Il gelato alla crema si fa bollire .. e dopo si fa passare in un passino da te .. naturalmente ci saranno dei grumi e questi con un cucchiaio di legno vanno schiacciati fintanto che il succo passi tutto nella gelatiera... mi sono intromesso perché ho fatto numerosi esperimenti e poi un gelataio siciliano mi ha spiegato tutto e ho notato che aveva ragione......... ma il trucco maggiore che non avrei mai saputo se non detto dal gelataio e che bisogna aggiungere uno zucchero che si chiama destrosio e che da più morbidezza al gelato. vi do la formula come la uso io: Ingredienti:

per 1 litro di gelato

3 rossi d'uovo senza albume
200--300 g zucchero a seconda dei gusti
25 g destrosio

Il destrosio si trova da un grossista di gelati o un fornitissimo droghiere.

Mischiate tutto e fate bollire ... passate il tutto in un colino non preoccupatevi dei grumi l'importante che non li fate passare in gelatiera... aggiungete una buccia di limone e chi vuole un po' di vaniglia la metta .. attenzione però che secondo se ne mettete troppo vi porta via troppo l'aroma rivolto agli ultimi ingredienti.

Torna al menu

Page by R.P.

Powered By Visiant Outsourcing

Locations of visitors to this page