Questo sito usa cookies. sto lavorando per ripulirlo ed adeguarlo alle direttive dello stato italiano. nel frattempo, se la cosa non vi va, potete o abbandonare la navigazione o disabilitare i cookies nel vostro browser. non capisco come mai lo stato obbliga tutti i webmaster a implementare una pagina per disabilitare i cookies quando tutti i browser piu' diffusi permettono gia' di disabilitarli lato client, ma non ci posso fare nulla.

Sei un nuovo utente....
Registrati per i nuovi servizi!

All times' favorites
Le ricette di Pierre
Il quaderno di casa Magnaghi-Zorzoli
Mailing list
Altri siti golosi
Té e dintorni
Vetrina
Biblioteca
Per una visione migliore del sito...
Per i professionisti...
Chi siamo?
I vitigni del Piemonte
The Best of Cucina.Ita & cooknet

Un Piemonte tutto DOC
DALLE COLLINE DEL VINO
LA QUALITA' NEL BICCHIERE

I principali Vitigni

  • Barbera
  • Dolcetto
  • Nebbiolo
  • Grignolino
  • Brachetto
  • Freisa
  • Malvasia
  • Cortese
  • Erbaluce
  • Moscato Bianco
  • Arneis
  • Ruché
  • Pelaverga piccolo
  •   Il "Vigneto Piemonte" si estende per circa 60 mila ettari e produce mediamente 3,5 milioni di quintali di uva, che viene per la quasi totalità destinata alla produzione vinicola. In questo modo si ottengono dai 2,7 ai 3 milioni di ettolitri di vino, che le basse rese, le straordinarie condizioni pedologiche e climatiche delle colline piemontesi, la capacità e la professionalità dei vignaioli e dei maestri cantinieri rendono pregevole e famoso in tutto il mondo.

    La dicitura V.Q.P.R.D. indica, nella terminologia adottata dalle normative dell'Unione Europea, i Vini di qualità prodotti in regioni determinate; in Italia, questi vini vengono contraddistinti dagli acronimi D.O.C. (denominazione di origine controllata) e D.O.C.G. (denominazione di origine controllata e garantita). Con l'introduzione dei marchi D.O.C. Piemonte, Langhe, Monferrato e Colline Novaresi, il Piemonte ha confermato la sua scelta di una strategia che punta sulla qualità piuttosto che sulla quantità, e per questo ha rinunciato alle numerosissime denominazioni geografiche che affollavano il panorama enologico regionale e ha consentito soltanto ai vini conformi alle disposizioni disciplinari di ottenere il marchio D.O.C. Al posto del tradizionale metodo di assegnazione dei nomi dei vini di qualità, che si basava essenzialmente sul nome del vitigno, si è affermata una nuova regola: si tiene in primo luogo conto del territorio, che costituisce il riferimento primario nell'assegnazione del nome, e soltanto dopo si richiama il vitigno specifico. Così la denominzione D.O.C. Piemonte comprende le tipologie "Piemonte Brachetto", "Piemonte Barbera", "Piemonte Cortese" ... e così via. La vitivinicoltura rappresenta circa l'8% del prodotto lordo vendibile piemontese; tuttavia la peculiarità dei vini, il livello di partecipazione degli operatori, la funzione di "traino" rispetto ad altri prodotti di qualità della regione ne fanno la "punta di diamante" nell'interscambio commerciale con l'estero, conferendole grande dignità nell'ambito della politica regionale di gestione agricola.

    Le aree produttive sono le Langhe, il Roero, il Monferrato (che spazia dai territori astigiani fino ad Aqui Terme e a Casale), le colline di Torino, le colline del Canavese e del Vercellese. Qui la vite ed il vino hanno ruolo da protagonista anche in quella strategia di valorizzazione complessiva del territorio verso cui vengono attualmente convogliate energie e risorse. E' questa la ragione per cui diventa sempre più importante far conoscere al consumatore questo patrimonio economico e culturale, che il Piemonte racchiude tra le sue colline.

    Testo: preso da www.piemonte.net; ammettiamo che non è completo, ma si cerca un volontario per completarlo... magari il proprietario di un'enoteca che lo faccia in cambio di pubblicità? contattate chef@piemonte.net se interessati.


    cucina.piemonte.net
    Page by R.P.

    Powered By Visiant Outsourcing

    Locations of visitors to this page